giovedì 29 settembre 2016

Baby Woodrose - Freedom

Bad Afro Records - 2016
Il sempre più barbuto Lorenzo Woodrose torna a spalancare le porte della mente con i suoi Baby Woodrose, che pubblicano "Freedom" per la fidata Bad Afro Records, a ben quattro anni di distanza da "Third Eye Surgery", album valido ma impreciso. La band danese questo giro corregge il tiro e torna ai fasti lisergici del capolavoro "Chasing Rainbows", ma con un sound corrosivo che sporca di garage i viaggi del rock acido. "Freedom" è un trip hard pysch tra distorsioni sature, melodie ipnotiche e atmosfere astrali immerse nel riverbero. Il risultato è graffiante, con momenti che si spingono nella dissonanza stridente come nell'assolo dell'opener Reality o nell'allucinata red The Sign Post. Mentre Mind Control Machine è hard space rock di pura scuola Hawkwind. Serpeggia una vena di inquietudine al di sotto della ricerca di visioni, che emerge nel finale della orientaleggiante "Termination". Non mancano comunque momenti più rilassati come Open Doors, che sembra uscita dritta dagli anni '60 raccolti nei solchi della celebre raccolta "Nuggets", o come le melodie cristalline di "Mantra". Il brano nettamente migliore è però il singolo "21st Century Slave", la perla dell'album: un volo extracorporeo dove si incrociano fluide melodie acide col ronzio aspro del fuzz.
"Freedom" è in definitiva un gran bel disco, degno di un posto tra i migliori nel repertorio della band, che spicca di più soprattutto nel suo complesso. Un segno tangibile che nuova linfa e nuova energia animano la allucinata rosa di Lorenzo. Che, se doveste avere occasione, vi consiglio vivamente di cogliere dal vivo: posso testimoniare che in concerto sono sorprendenti. 

martedì 27 settembre 2016

BRIGHTR Italian Tour


No Reason Booking e No Reason Records sono liete di annunciare il ritorno in italia di BRIGHTR in ottobre. Le nove date di questo tour saranno un valido banco di prova per l'artista di Eastbourne che alla fine dello stesso mese volerà in Florida per prendere parte al THE FEST!

Il Tour comincerà al Circolo Gagarin di Busto Arsizio questo sabato 01/10, per poi proseguire al Circolo Arcipelago di Cremona (02/10), Massa (03/10 - secret show), passando per il Whishlist di Roma (04/10), il Semiserie di Foligno (05/10) e Dalla Cira di Pesaro (06/10). A concludere il tour sarà la volta dell'Arci Dallò di Castiglione delle Stiviere (07/10), l'Arci Ohibò di Milano (08/10) e Torino (09/10 - house show). 

Ad accompagnare BRIGHTR per tutto il tour ci sarà Girless, già chitarra e voce dei Girless And The Orphan. Per quanto riguarda la data milanese, invece, è da segnalare la presenza, nonchè prima data, dei GIØNSON (membri dei Fine Before You Came). 

lunedì 26 settembre 2016

Ghost - Popestar

Loma Vista Recordings - 2016

In in attesa di un nuovo full lenght, i Ghost da pochi giorni hanno rilasciato l'EP "Popestar". Il disco è uno spinoff di "Meliora", lo splendido terzo album uscito un anno e mezzo fa, di cui riprende sound e anche estetica. L'EP propone quattro cover pescate in generi distanti dall'ossatura doom metal della band svedese, come già era accaduto con l'EP "If You Have Ghost" uscito dopo il secondo album "Infestissumam". Questa volta i Ghost pescano nella new wave e persino nell'elettronica, a testimonianza della vastità del loro orizzonte musicale e della complessità del loro sound. "Popestar" però è arricchito anche da una traccia originale, il primo singolo Square Hammer, convincente traccia metallica percorsa da tastiere tenebrose. Si prosegue con la prima cover, Nocturnal Me degli Echo & The Bunnymen, la canzone meno convincente tra le cinque, fin troppo scolastica nella sua esecuzione. I Believe, cover dei Simian Disco Mobile, è invece il punto più alto: la resa degli svedesi è mozzafiato, con arrangiamenti e suoni eleganti e complessi che creano un'atmosfera mistica ed eterea. L'ennesima dimostrazione di un grande talento. Decisamente gustosa la cover di Missionary Man degli Eurythmics, energica e beffarda. Si chiude con Bible degli Imperiet, band conterranea dei nostri: un inno sinfonico dal crescendo epico che chiude degnamente l'ascolto. I Ghost fanno sfoggio ancora una volta di un talento fuori dal comune, reinterpretando e facendo proprie con maestria canzoni in apparenza molto lontane da loro.Tendo a diffidare degli EP pubblicati come intermezzi per le attese discografiche, ma in questo caso sono rimasto sorpreso ed emozionato, "Popestar" è un gioiello che non può che impreziosire la produzione del sestetto mascherato. Lo potete ascoltare su Spotify.


domenica 25 settembre 2016

Blink 182 - California

California è il settimo disco del trio di San Diego, album particolare perché si tratta del primo registrato senza il contributo del chitarrista e socio fondatore Tom DeLonge, sostituito da Matt Skiba degli Alkaline Trio. La dipartita, seppure molto pesante nell’economia interna del gruppo, sembra aver giovato ai Blink-182 che ci regalano 16 tracce piacevoli e convincenti, ricche di melodie killer e riff accattivanti. Come già intuibile dal primo singolo Bored To Death il continuo alternarsi delle voci di Hoppus e Skiba e la produzione (forse un po’ troppo) patinata ad opera di John Feldmann rendono il prodotto estremamente godibile e di facile ascolto mentre i fantasiosi fill di batteria di Travis Barker impreziosiscono un prodotto già di per se estremamente ben riuscito. I Blink-182 seppur orfani di una colonna portante della loro storia non sono morti, ascoltare per credere. Nel complesso, seppur con i suoi alti e bassi un disco onesto e sorprendentemente riuscito. 

venerdì 16 settembre 2016

Descendents - Hypercaffium Spazzinate (Deluxe Edition)

2016 - Epitaph Records

Sono tornati! I Descendents sono tornati! Pare che Milo non lavori più per la Dupont e abbia preso la palla al balzo per tornare in studio dopo 12 anni. Bill & co. non si sono certo fatti pregare e hanno tirato fuori 21 canzoni, di cui 5 nel bonus EP SpazzHazard, che riprendono il sound a cui eravamo stati abituati negli ultimi due LP del quartetto californiano. Si passa dunque dalla velocissime e brevissime No Fat Burger e Human Being, alla melodiche e strappalacrime Without Love e Smile. Nella melodia non manca mai la giusta dose di cattiveria, vedi Victim of me, Full Circle e Shameless Halo, ne la nota nostalgica, vedi Beyond the music e Comeback Kids.
Cosa hanno da dire i Descendents nel 2016? In realtà una valanga di cose: No Fat Burger è la versione aggiornata di I Like Food - per il ciclo basta con il cibo spazzatura - Limiter spiega cosa Milo pensa degli psicofarmaci che sono stati prescritti al figlio e Feel This parla della perdita materna che ha subito Karl Alvarz. Ma forse l'argomento che più ricorre nei testi di quest'album è l'amicizia che lega Milo e Bill al di là della musica (vedi Beyond the music) e durante momenti difficili come la malattia (vedi Smile e Comeback Kid).
Hypercaffium Spazzinate sembra essere l'anello di congiunzione tra Everything sucks e Cool to be you. Devo aggiungere altro?

giovedì 8 settembre 2016

Masked Intruder - Love And Other Crimes


EP fresco fresco, oserei dire dal sapore estivo, uscito lo scorso luglio per gli Intrusi Mascherati. Eravamo troppo impegnati nella campagna estiva per scrivere qualche stronzata su Love And Other Crimes...ma di certo l'EP, uscito per Pure Noise Records, non è passato inosservato in caserma. I quattro manigoldi non si sforzano e presentano giusto sei brani nel loro classico pop punk farcito di melodie zuccherose, ironia, e richiami al power pop e al rock n' roll. 
1)Take What I Want: Il riff iniziale sembra venire direttamente dalla chitarra di Angus Young e poi si tramuta in un classico giro rock n' roll con tanto di tastiere e richiami power pop. Melodie accattivanti, non male come inizio.
2)First Star Tonight: Classica canzone d'amore a là Intruder. Sound più soft rispetto ai dischi precedenti ma effetto comunque positivo e trascinante. Spettacolare l'intermezzo di assolini e twin guitars...su queste chicche loro sono sempre un passo avanti. Bel ritornello a chiudere. 
3)Beyond The Shadow Of a Doubt: Singolo estratto dall'EP, e come dargli torto...sinceramente è il pezzo più "forte". Belle melodie, altro bridge che spacca e ritornellone che rimane appiccicato in testa.
4)Running From The Cops: Pezzo veloce..carino ma non mi dice niente di che...
5)Still Always On My mind: Ballata che è un po' una rottura di maroni...Intruder sapete fare moooolto meglio!
6)If Only: Per me pezzo migliore dell'EP! Inizio in crescendo da brividi e poi...BAM! Pezzone!

mercoledì 7 settembre 2016

Weekend de fuego!

SE SIETE LOMBARDI:

Venerdì 9 Settembre
----------------------------
BERGAMO SOTTOSUOLO presenta:

-- Radioactivity (ex-The Marked Men) - Texas, USA
L'accoppiata Jeff Burke e Mark Ryan è una vera sicurezza della scena Garage-Punk americana.
Con i Radioactivity, sono riusciti nell'ardua impresa di non far rimpiangere le loro band precedenti, The Red e Marked Men, ormai assunte a vere band di culto.
Il loro è un suono unico, sempre sapientemente a metà tra il Punk-Rock ed il Garage, che sa accelerare ma che sa anche regalare melodie che si stampano subito in testa.
Due album su Dirtnap Records, questa è la loro prima e unica data in Italia!

-- Bad Sports - Texas, USA
Originari di Denton, ma di stanza ad Austin, i Bad Sports sono i "ragazzi terribili" della scena Punk texana, protaginisti di molte delle band attive dello stato: Pumpers, Video (ora scritturati dalla Third Man Records di Jack White), OBN III's e molti altri...
Quattro album all'attivo, un tour come backing band di NOBUNNY, un suono Punk-Rock '77 tra Dead Boys, Television e Ramones. Unico show in Italia!

-- Hakan - Bergamo
La risposta orobica all'ondata Punk texana.
Power-Trio tra Garage e Punk, un bell'album all'attivo su One Chord Wonder, sono il gruppo perfetto per completare una serata memorabile!!

----------------------------------------------
Edoné Bergamo - Via Gemelli 17
Ore 21:30 PUNTUALI - INGRESSO GRATUITO



SE SIETE VENETI:


Hooray!
Dopo la pausa estiva ritorna di prepotenza il party più sobrio del Veneto; e cosa c'è meglio di una festa? Semplice, DUE FESTE! ✌
Ebbene sì, doppia occasione per brindare col Tigre de Cochabamba e "quell'altro pieno di fastidi".

► VENERDI 9 SETTEMBRE ◄
◇ Low Dérive: suonano punk rock e vengono dalla provincia di Milano. Attivi dal 2012, si sono contraddistinti per un'intensa attività live in Italia ed Europa, arrivando anche negli Usa. Il loro ultimo ep "Nora", uscito nel 2015 in collaborazione con No Reason Records, completa una triologia di uscite diy che la band ha iniziato nel 2013 registrando in casa o sala prove e realizzando a mano il packaging degli ep. Usano i pedalini e non
sanno scrivere le bio.

◇ Blankets: sono 4 ragazzi di Vicenza, con diversi trascorsi musicali (e problemi), che hanno in comune la passione per il punk rock, quello più melodico e moderno, con riferimenti quali Latterman, Iron Chic, Off with their heads. Hanno pubblicato finora due EP autoprodotte, Blankets nel 2014 e Struggles nel 2016. Tornano al Circolo La Mesa a qualche mese di distanza dal loro release party incendiario.

◇ I Like Allie: Punk Rock da Milano, Mexico. Quello che era il progetto acustico di Renato nell'ultimo anno si è trasformato in full band con membri di Monumental, Teenage Gluesniffers e Sittingthesummerout. A maggio è uscito il loro primo EP, "The Wounds You Leave", per l'etichetta americana Paper+Plastick.


► SABATO 10 SETTEMBRE ◄
◇ The Chromosomes: nascono a Livorno nel lontano 1993. La loro discografia è immensa. Tre album ("...More time to relax" del 2001; "Chromoterapia" del 2006; e "Yes trespassing" del 2009), un'infinita di singoli, e uno split con i Manges ("The Bud Spencer & Terence Hill Experience”). Hanno suonato in tutta Italia e in Europa riscuotendo sempre il favore del pubblico.

◇ Massoneria Ramonica: l'attitudine fatta gruppo. Storpiano il concetto di saper suonare uno strumento; ignoranza e punkrock Ramones-addicted, punto e basta. Far cagare è ok.
(comunque sempre meglio di Andrea Rock)

◇ Maybe Wonders: Terzetto da Castelfranco Veneto i cui membri militano in altre band (Twinkles, Goofy Head e Mondo Cane). La decisione di formare il gruppo viene presa al ritorno dal concerto dei Manges al Linx Club di Vicenza e questo la dice tutta su come la band suona: tre accordi e ritornelli orecchiabili a iosa. Dopo l'album "Old Fashioned Superstitions" del 2010 i fioi si apprestano a fare uscire il nuovo EP "Unspoken Expectations" prima del prossimo inverno.

♥ LA GIO' DJ SET ♥ dalle 23.30 fino a esaurimento scorte ci pensa la giò a mettere i dischi giusti. One two three four!


E se siete stanchi di sentire l' odore di stufato di gatto, o semplicemente siete troppo fighetti per il nostro altissimo livello di ignoranza, sempre sabato 10 a Villa Del Conte (PD) si festeggia il compleanno del leggendario presidente Filippo De Marchi aka Pippo City Rocker con gli FPD che presentano il nuovo album e i trevigiani Tragicz. Auguri Pippo!

mercoledì 31 agosto 2016

SNAFU 2.0: Bay Fest @ Igea Marina


Il buon Tommy 27 torna fresco fresco dalle vacanze e ci manda il suo personale 2.0 sul Bay Fest.... non vi resta che leggervelo da lavoro per affrontare il duro rientro!

Torno dalle ferie e leggo un sacco di live report sull'evento dell'anno: condivido appieno molte delle cose dette ma non posso non dire la mia, se mi è concesso...

Primo giorno
La line-up del primo giorno mi fa sboccare tranne i Nofx: non conosco i primi gruppi (che sento da fuori e mi sembra di intuire che solo i Coffee Shower se la cavino bene). Entro quando suonano i Whilem Scream che fanno un hardcore trooppo hardcore per me, il tipo mi sembra uscito da una palestra americana tutta anfetamina e nandrolone... poi gli Strung out: li ho sentiti solo di nome ma mi sembra facciano una bella prova.
Ecco i Nofx: io sono dalla loro parte, mi son sempre piaciuti; ma stavolta c'è poco da dire, spaccano il culo a tutti. Fat Mike ha fatto un patto col diavolo: sale sul palco vestito da donna e visibilmente più fatto di come ti aspetteresti (che già te lo aspetti devastato merda...) e tra me penso: cazzo questo è tanto se sta in piedi tutto il concerto. Col cazzo: nella decina di loro concerti che ho sentito negli anni questo e uno dei loro migliori: grandissima scletta con Linoleum e Stinkin in my eye per mettere subito le cose in chiaro, Champs elysees, Murder the government e Bob in fila, Lory Meyers con una tipa alla voce che fa paura..., 72 Hookers che dal vivo è una bomba: Bello!
Fanno pure un paio di pezzi nuovi tra cui uno dedicato a Tony Sly che però non mi convince. Chiudono con Teme fron a Nofx song con Melvin che prende per il culo tutto prolungando il suono della fisarmonica, uscendo e rientrando per 20000 volte.
Nofx in grandissima forma, poco da dire, grandissima prova!
Unico appunto: il pubblico: quando senti i Nofx sai che ci saranno ragazzini discotecari: lo so, li ho sentiti tante volte, è così...ma qui era un vero e proprio schifo come mai mi è capitato: non so se fosse la Riviera, o il Ferragosto imminente ma la gente era proprio una merda: fatti e strafatti, gente che non si reggeva in piedi, che chiedeva coca a destra e sinistra senza ritegno. A me piace stare in mezzo al pogo e ci sono stato ma fanculo, aveva ragione il vecchio Mendez "impasticcati, discotecari, andatevene al Cocoricò"! Ma che cazzo ci fate a un concerto punk?

Secondo giorno
Anche il giorno dopo la line-up non mi entusiasma...ma diciamocela tutta: siamo qui solo ed esclusivamente per loro, anzi per lui, quel cazzone psicopatico di Ben Weasel che finalmente dopo anni e anni si è deciso di venire dove tutti lo aspettavamo, qui nel Bepaese, scegliendo una cazzo di data che ha fatto litigare mariti e mogli, ha tagliato a metà le vacanza di tutti, ha costretto gente che mai avrebbe messo piede in questa cazzo di brodaglia che chiamano mar Adriatico a stare due giorni in spiaggia per finalmente vedere quello che fin da ragazzino non aspettava altro di vedere: cazzo le donnole in Italia!!!
Il resto è solo contorno!
Sento i Derozer e mi piacciono molto più che a trezzo d'Adda: sostanzialmente stessa scaletta, non so...forse è l'atmosfera...
Non ascolto altro: i Satanic Surfers non mi piacciono e non li cago: sono teso...
Bisogna dire una cosa: sembra di essere a 2000 Km dal giorno precedente: magicamente i bimbi minchia impasticcati del giorno prima sono svaniti: ci sarà un terzo della gente ma le magliette, le vecchie facce amiche, quelli che non conosci ma che hai già visto tante volte a tanti concerti ti fanno capire che stasera quelli che dovevano esserci si son sbattuti, han litigato con la moglie, han lasciato a casa i figli, hanno smezzato le vacanze e sono qui!
Ed eccolo Ben che sale sulle note del Rigoletto...subito magia: attacca a 3000 all'ora, non so: ho sentito gente che scrive che ha fatto cagare, boh, io vedevo solo gente che voleva sentire gli Screeching Weasel, lo desiderava da anni e anni, si era fatta il culo in Belgio o a Londra e ora li vedeva qui, finalmente. Chi non li sentiva dentro non può capire, chi come me e tanti altri non aspettava altro da anni e anni non può essere lucido, non può non vedere con gli occhi dell'emozione: e allora fanculo: CHE CONCERTO!!! cazzo quasi tutto My brain Hurts (Spasio che tenta l'invasione è vedere lo specchio di te stesso che non riesce a star fermo), Cindy's on Methadone con Andrea Mange (cazzo grande, hai coronato una carriera!), Joanie loves jhonny (lacrime!), hey suburbia, veronica hates me...leggete la scaletta: grandi!
Salto, pogo e canto, cazzo se canto e vedo tanti che ci credono e sanno tutte le canzoni: Fantastico, Chiusura con Cool Kids d'obbligo.
Bello!!!

27tommy

martedì 23 agosto 2016

Onetwothreefaw

Il nostro amico di 7pollici, ci manda un comunicato per condividere con la caserma, la nascita della sua nuova band. I soldati ti augurano il meglio cadetto Davide!


Onetwothreefaw è un duo punk-rock chitarra e batteria che suona tiratissimo e velocissimo senza fronzoli. Pezzi simpatici e stupidissimi da 1:30, una voce graffiante, coretti bubblegums, chitarra invadente e una batteria pestata conditi da un attitudine punk e uno spirito lo-fi fanno di questo duo una mina vagante. Il gruppo è nato ufficialmente nei primi mesi del 2016 ma i due suonano insieme dal 2000 in varie formazioni e gruppi musicali (Jojo In The Stars, ecc). In primavera in un paio di giorni hanno registrato in studio il loro primo lavoro contenente sette pezzi. A fine agosto uscirà il primo singolo "Chewi-Chewi" accompagnato da un video musicale fuori di testa e festaiolo. Comè nel loro spirito. A fine settembre uscirà il loro primo album "Fast and Trouble" per le etichette Winter Beach e Let's Goat Records.
Rimani aggiornato su: https://www.facebook.com/onetwothreefaw

First video coming soon

giovedì 18 agosto 2016

Bay Fest 2016


Day One
Il nostro viaggio verso uno dei litorali per eccellenza delle "vacanze italiane" inizia su un regionale scassatissimo che impiegherà 4 ore e 30 ad arrivare a destinazione. Giunti abbastanza presto sulla riviera di Rimini, decidiamo di farci rapinare per un ombrellone e due sdraio in ultima fila e stare un po' a mollo in un mare color palude. Finito il sollazzo, ci dirigiamo verso l'area del festival ed entriamo giusto un po' prima dell'inizio degli A Wilhelm Scream. La line up è essenzialmente quella che avevamo visto il mercoledì 10 al Punk Rock Holiday, dove il gruppo di New Bedford aveva asfaltato il main stage. Anche questa volta gli AWS fanno un prova degna di nota, penalizzata purtroppo da suoni penosi e chitarre inesistenti. Suoni a parte, come si fa a non amare Nuno e compagni?! Senza dubbio una delle migliori live band al momento...e il pubblico risponde alzando un gran polverone! Peccato che non abbiano suonato We Built This City! (On Debts and Booze). Dopo di loro tocca agli Strung Out. Al PRH han fatto un bel concerto, qui a Igea i suoni si sistemano e fanno  di nuovo un bel concerto (peccato per il cantante con poca voce)...nulla da dire...non me li sono mai cagati molto ma sentirli dal vivo è stato senza dubbio piacevole. I NOFX con Fat Mike in detox mi hanno sorpreso al PRH e qui al Bay Fest confermano la loro buona forma. Per me han fatto veramente un gran bel concerto...sempre in stile Nofx ovviamente...ma queste ultime due volte sono state diverse! Scalettona, a mio parere, con subito l'accoppiata bomba Linoleum e Stickin In my Eye e poi Idiots Are Taking Over. Si continua con 72 Hookers, 6 Years on Dope (nuovo singolo bomba) e Leave It Alone (Figata!). E ancora old skool con  Bob e Lory Meyers con Jen delle Bombpops come ospite sul palco. Herojuana, a dire di Fat Mike uno dei suoi pezzi preferiti (e anche dei miei) e poi Moron Brothers per finire. Nei bis suonano un pezzo nuovo dedicato a Tony Sly, I'm Sorry, Tony (non un gran che...) e chiusura con Theme From a Nofx Album e Melvin che va avanti a oltranza a suonare la fisarmonica. Godo un sacco che non han fatto Don't Call Me White e  Kill All The White Men...quanto odio quei pezzi...e i fenomeni che iniziano a pogare al mixer...qui comunque la scaletta completa. Che dire...bel live, han suonato compatti, gran scaletta...mi è piaciuto proprio...esco dall'area concerti soddisfatto.

Day Two
Dopo un Ferragosto passato sotto l'ombrellone, ci dirigiamo verso l'area concerti per l'inizio degli Slander. La sensazione appena entrati è che ci sia un terzo della gente di ieri...gli occasionali che ogni anno trovi a sentire i NOFX sono andati a casa...peggio per loro! Avevamo lasciato i veneti mentre aravano il beach stage del PRH, e questa volta li aspetta un palco più impegnativo nelle dimensioni. Tuttavia ciò non li svantaggia e tirano fuori una gran prova! Veloci, diretti, riffoni ignoranti, Samall che corre a destra e a manca...così si fa, bravi! Ci si vede il 31 a Milano con i Gorilla Biscuits! Dopo di loro tocca ai Derozer. E' tanto che non li vedo e le mie aspettative sono alte...ma più vanno avanti a suonare più mi sale la tristezza. Non so perché ma non mi hanno proprio preso...e dire che comunque han suonato bene e han fatto una bella scaletta. Anche il pubblico l'ho visto un po' spento...i singalong su Mururoa e Lungo la Strada si sentivano a malapena. Parte Nuova Generazione e un "veterano" di fianco a me mi dice: "Questa l'han presentata alla festa di natale della mia scuola. Era il '99 e Mendez lanciava le lattine di birra sui ragazzini, dio xxx". Per i Satanic Surfers vale lo stesso discorso degli Strung Out: non me li sono mai cagati. Seguo il loro live distrattamente, prima da lontano guardando i fuochi e poi più da vicino mentre bevo una birra...meglio rispetto a quando li vidi al PRH l'anno scorso, ma comunque mi lasciano abbastanza indifferente. Infine tocca agli Screeching Weasel. Dopo la sfuriata del Groezrock 2014 in pochi si sarebbero aspettati di rivedere Ben Weasel nel vecchio continente...ma poi c'è stata Londra...e poi Bellaria Igea Marina! Mai mi sarei aspettato di non dover prendere un aereo per andare a un loro concerto! Quindi grazie agli organizzatori che si sono fatti gli sbatti di portare in riviera questo personaggio. Per me è difficile avere un opinione oggettiva su di lui/loro, penso sia una di quelle band/personaggi che o li ami o li odi. Io personalmente li amo e che li si voglia chiamare Screeching Weasel, Ben Weasel & Friends o Ben Weasel Karaoke secondo me han fatto un gran concerto! Brani belli tirati, tutti attaccati, zero pause, band solida e Ben in super forma anche se aveva la voce bassina (volutamente?). Scaletta spettacolare stile best of (un sacco da My Brain Hurts) e tutti a cantare! Poche pause giusto per ripetere le cagate sulla Monster Energy e per raccontare l'episodio della pace fatta con Fat Mike (Si sono incrociati all'hotel dove stavano le band e Mike ha regalato a Ben un quadretto ricamato con sopra un orso, animale simbolo della California, e un tasso, animale simbolo del Winsconsin, che si stringono la mano come segno di pace...momento storico del punk rock avvenuto a Igea Marina! XD ). Poi Andrea Manges "Italian legend" cit. è salito a suonare Cindy's On Methadone e Spasio si è intrufolato sul palco a cantare My Brain Hurts (placcatissimo dalla security XD ) e il concerto è finito come sempre sulle note di Cool Kids. Ho sentito pareri molto contrastanti sul loro live, chi li amati, chi invece si è annoiato...io sinceramente dopo un concerto del genere non posso che promuoverli...sarà solamente cuore...sarà pure una rievocazione anacronistica...ma finché dal vivo vengono suonati certi pezzi non posso che emozionarmi.
Qui il commento di Ben sulla sua esperienza italiana.