domenica 15 ottobre 2017

Live Report - Adescite Fest Vol. 3


L’Adescite non è solo un festival underground. È una situazione. Una situazione figa e non fighetta, dove la gente sembra essere uscita di casa per divertirsi e non per farsi vedere. Si fa tutto allo Spazio Libero Utopia di Genova, uno squat marcio il giusto per essere figo. Suonano 1000 band, situazioni che di solito diresti essere un pacco perché dopo 3 gruppi ne hai già le palle piene, e invece tutto quadra per bene e non ti annoi un attimo e guardi anche le band che non ti interessano sulla carta. E lo fai perché a sto giro il vero divertimento sta nello stare accalcati in questo scantinato male illuminato e non fuori a dire cazzate.
Miglior gruppo del giorno i LEISFA, davvero una bella sorpresa. Le alte band già lo sapete come hanno suonato (Low Dèrive in forma, Ponches carichi come Moretti da 66, Antares zozzoni e potenti, etc.). 
Tanti ma davvero tanti complimenti alla Cocks crew e a tutti i ragazzi che hanno messo in piedi questa situazione della madonna. Ci vediamo l’anno prossimo!

venerdì 13 ottobre 2017

The Lillingtons - Stella Sapiente


In 1998 pop punk was becoming stagnant and unexciting. Trapped in its own asexual fantasies of failed romance and teenage frustration and with its lovable-losers-type characters forever doomed to a three-chord prison, it seemed at a dead end.
The heyday of Lookout records was behind and the future seemed uncertain. Of course the golden age had spawned a thriving (and still alive!) underground of zines, small bands and aficionados, but the big names were missing: they simply weren't yielding anything to propel pop punk ahead.
Green Day were starting to look tired and bloated (they hadn't been re-designed and re-engineered yet). The name Screeching Weasel was still being written on an album every now and then, but only because Ben hadn't worked up the courage to go solo yet. The Mr. T Experience had recorded what was their best work ever the year before and would never reach those heights again. The Queers were still trying to re-assess themselves in the wake of Joe King’s new-found sobriety.
The Groovie Ghoulies were quietly keeping it burning, but without the impact these other bands had on the general public.
Storm the streets by the Riverdales was a minor masterpiece and the only breath of fresh air in the room. Unfortunately it was not understood by the fans: their ears were still relegated to the saccharine dream land of cheerful melodies and faux-50's landscapes.

Then DEATH BY TELEVISION happened. It was sudden and profound. It was an album that shook the very foundations of the genre. It was groundbreaking. Sonically, it introduced the minor chord progression into pop punk, something only the Descendents and the Ramones in the 80's had briefly hinted at. Thematically, it reinstated the album as a congruous collection of songs linked by a common thread (as in the Misfits tradition), instead of a mere selection of random tracks that sounded ok.
At first I admit I couldn't quite grasp the greatness of it. It took me a few listens to fully understand its potential. Coming from years of girlfriend-trouble songs, it was an acquired taste. But the images it conveyed were so powerful that they still affect me to this day. It was explosive. It had guts, ideas and drive.
Like it often happens, the band additionally delved into the same approach and modus operandi on the following album, THE BACKCHANNEL BROADCAST. Albeit more perfected and more to the point, with its monochrome palette, it lacks the spark and brilliance of its predecessor. If DBT is a great meal, then TBCB is just three courses of steak: each of them excellent, but probably a tad redundant.
Then, for five years, the band went under the radar. When they resurfaced in 2006, they put out THE TOO LATE SHOW. A hit-and-miss affair, this record contains some of their most memorable material (Target Earth above all) but also some fillers and some tunes which sound more like Teenage Bottlerocket (which singer Kody had joined the previous year) than Lillingtons.
Then they disappeared again for eleven years (except for a sporadic appearance on a Red Scare compilation with what is arguably their single best song ever: Pyramids).
I have to say that when I listened to PROJECT 313 earlier this year I was very disappointed. To me it seemed like a huge step backwards for the band. It's a well-played and well-produced pop punk ep: nothing more and nothing less. It totally lacks the edge and charisma that permeated their previous efforts. I thought they had lost it, I thought they had gone soft. Boy, was I wrong. In retrospect, after hearing their latest record, I have grown to appreciate Project 313 for what it is: the Lillingtons' sweet farewell to pop punk. It is the band saying: “Guys, we've taken you so far: now we want to explore new territory. If you wanna get off our starship now, we will let you down real slow with this one. If you wanna stay, it's fine. Just so you know, it's gonna be a bumpy ride.”
STELLA SAPIENTE is on a whole other level. It's the rocket landing head-first on the face of the moon. It's the severed eye. It's King Kong on the skyscraper. It's a mammoth of an album that effortlessly transcends the shackles pop punk voluntarily put around its own ankles 20 years or so ago. And it comes to life with a grace and with an ease that make it seem incredibly true and natural. To be honest, from a strictly musical standpoint, it's equal parts punk rock, proto/early metal and dark/gothic influences. But the great thing about it is that all these elements are scientifically balanced and calibrated so that none overwhelms the other, just like a great Negroni is equal parts gin, vermouth and bitter. The hard stuff doesn't get in the way and it never becomes bombastic and self-indulgent as metal often gets. The gothic decorations are used as atmospheric relief and the punk rock roots keep the rhythm section straight, simple and clean-cut. “But it's not a punk rock album!” most of you will say. Well, that may be true from a technical perspective. But what definitely IS punk rock about this record is that every aspect of it is useful for the songs and the purpose. Nothing is wasted. Nothing is futile. Nothing is excessive. And guys, this is the first rule of punk rock, not the laws of Germany: everything must serve the whole.
I don't think the guys in the band had any great scope in mind, when they wrote the album. I think they just got tired of the same old formula and found a way to spice it up and keep it fun. Well, it works for me. To my ears, this is the only step off the beaten path of pop punk I have seen in a long, long time. It is probably the first album in the genre to create a fresh combination of song and sound since Dookie.

Just like Phantom Maggot, the Lillingtons once again saved the day. And they did it unknowingly and by showing us all something obvious: anything, anything in the world that wants to stay alive and prosper, has to move inescapably FORWARD.

Written by Matt Failure (Proton Packs)

lunedì 2 ottobre 2017

The Flatliners live @ Honky Tonky


Giovedì 5 Ottobre i Flatliners calcheranno il palco dell'Honky Tonky di Seregno.
Con loro ci saranno anche gli americani Prawn e i francesi Not Scientists per una serata targata NoReason Booking.
Manca sempre meno al ritorno in Italia dei Canadesi The Flatliners. Il prossimo 5 Ottobre, infatti, si esibiranno sul palco dell’Honky Tonky di Seregno per l’unica data Italiana prevista nel cartellone del loro tour europeo grazie a NoReason Booking. Un atteso ritorno quello dei Flatliners che per l’occasione presenteranno dal vivo Inviting Light, il loro quinto LP in studio, uscito lo scorso 7 Aprile per Dine Alone Records e Rise Records. A condividere il palco con la band originaria dell’Ontario, ci saranno gli americani Prawn e Ii francesi Not Scientists (membri degli Uncommonmenfrommars). L’appuntamento è per il 05 Ottobre all’Honky Tonky di Seregno (MB), via Comina 35/37. Ingresso, con tessera ACSI, a partire dalle ore 21:00, biglietti disponibili in cassa a 15 euro.
Porte: 21.00
NOT SCIENTISTS: 21.30-22.00
PRAWN: 22.10-22.45
THE FLATLINERS: 23.00-00.00 Info e dettagli qui.

martedì 26 settembre 2017

PROTON PACKS - Conspiracy '66

Mom's Basement Records - 2017

Avrei dovuto recensire questo disco a fine giugno. Ovviamente faccio schifo e sono in ritardo eterno con qualsiasi cosa. In compenso sto raccogliendo molte informazioni per conto della CIA, dislocato da qualche parte nell'Est Europeo. A vostra insaputa spio le vostre ragazze mentre si cambiano il reggipetto nell'intimità delle loro camerette.
Quei gran toscanacci dei Proton Packs cagano fuori dal loro cilindro un altro concept album (penso) che parla di cospirazioni, guerra fredda e cose fighe di questo tipo che puzzano di complotti e pugnalate fra USA e URSS ai tempi di quando si contendevano i "migliori" criminali nazisti... ovviamente non per ingabbiarli, ma per usarli con finalità belliche e scientifiche di varia natura (digitare su wikipedia Operazione Paperclip ad esempio).
Il sapore evocato da queste 12 canzoni mi gusta alquanto... sono dopotutto in clima giusto per questo genere di cose. Musicalmente ci siamo, ma non aspettatevi nulla di nuovo... anzi. I Proton Packs sono questo: un mix ben confezionato fra Riverdales e Lillingtons che va avanti da oltre 10 anni senza alcuna intenzione di cambiamento o evoluzione di qualsivoglia natura. Fanno il loro compito, lo fanno molto bene, fanno quello che li diverte di più e non bisogna giudicarli negativamente per questo.
Mi permetto però di dire la mia: considerando l'inventiva e la creatività (sopra la media) che ci mettono nei testi e nella stesura dei concept che stanno dietro ai loro dischi, sinceramente mi piacerebbe sentire qualcosa di altrettanto studiato anche musicalmente, che vada un po' oltre il classico ritornello su cui ci si potrebbe cantare qualsiasi cosa di Weasel&Vapid.... avete presente no? Esattamente quella cosa lì.
Matt e soci hanno tutte le qualità artistiche per fare quel piccolo sforzo in più... se no - in questi casi - risulta veritiera quella famosa frase qualunquista che dice "Ho solamente il primo demo in cassetta, tutto il resto è noia".... e a me quella frase è sempre stata sui coglioni.

venerdì 22 settembre 2017

LEISFA - Liturgie di Fallimenti e Sconfitte


Liturgie di Fallimenti e Sconfitte è il disco “sophomore” dei Luca E I Suoi Fantastici Amici e vi anticipo subito che è un lavoro davvero degno di nota. Ascoltando le 9 tracce che lo compongono troverete sempre l’attitudine 100% DIY che li ha finora caratterizzati, ma che fa da contraltare ad una nuova e sorprendente maturità compositiva. I genovesi LEISFA infatti, seppur rimanendo legato all’urgenza e all’immediatezza del punk hardcore, fortunatamente evitano di chiudersi nei clichè di una nicchia e evolvono, implementando il proprio sound con atmosfere eteree e sovrapposizioni melodiche che mi fanno subito venire in mente Loveless dei My Bloody Valentine e la Jazzmaster di J.Mascis. Aggiungeteci dei testi ben scritti che trattano dei riferimenti più personali o introspettivi e il risultato è un album sincero che travalica le barriere tra generi musicali e ti colpisce dritto, come una catapulta.

venerdì 15 settembre 2017

Deaf Lingo e Fatty Liver Records pronti al debutto!



BUG l’album di debutto della band milanese uscirà per la neonata etichetta Fatty Liver Records il prossimo 22 Settembre. 
FATTY LIVER RECORDS è lieta di annunciare l’uscita di “BUG” l’album di debutto della band punk/garage/lo-fi milanese DEAF LINGO. “BUG” verrà rilasciato e presentato ufficialmente il prossimo 22 Settembre sul palco dell’HONKY TONKY di Seregno dove, oltre ai DEAF LINGO si esibiranno anche Matt Gyver, Menagramo, Volkov e I like Allie.
I DEAF LINGO nascono inizialmente come progetto in studio di Sandro Specchia per poi evolversi in una band vera e propria alla fine del 2015 quando, al chitarrista dei Low Derivé, si aggiungono membri di altre band del milanese (Muruhuay e La Scatola nera). “BUG” rappresenta il primo full lenght ufficiale della band nonché il secondo lavoro in studio; dopo l’EP “Split Pee” uscito nell’Ottobre del 2015. Oltre che per i DEAF LINGO, “BUG” rappresenta il debutto anche per FATTY LIVER RECORDS, neonata etichetta musicale con base nel milanese per volontà di Luca Mazza; noto nel panorama musicale per fare parte di NoReason Records/Booking. “Uno sfizio personale” questo il commento di Mazza in merito alla nascita dell’etichetta, “nato dalla volontà di produrre band di amici che condividono i miei stessi interessi musicali o, comunque, band che a mio parere meritano dal punto di vista artistico”. Nessuna dichiarazione, invece, sulla scelta del nome; anche se non sorprenderà di certo le persone vicine a Mazza.
Luca Mazza, CEO di Fatty Liver, durante una business call. (pic. Gio No)

lunedì 4 settembre 2017

Mobina Galore @ Bushwick Public House (Brooklyn)



Torno da una missione intercontinentale e ancora sfatto dal jet leg inizio a ragionare su cosa ho affrontato. Il capitalismo selvaggio ha un fascino tremendo ma sul suolo statunitense si vedono anche effetti negativi come una galoppante inflazione peggio della Germania prenazista. 8 dollari per una birra local in bottiglia da 33 cl è un esempio abbastanza significativo. Per fortuna che noi siamo addestrati ad andare sottoterra per sopravvivere anche nelle situazioni più inospitali. 

Dopo un pomeriggio al Bushwick Collective, la più bella galleria a cielo aperto che abbia mai visto, prendiamo la metro e raggiungiamo la Bushwick Public House. All'apparenza un bar qualunque, ma non serve una laurea per capire dove avverrà lo show: down in the basement. È un martedì, sono le 20e30 di sera e la prima band sta per attaccare (altro che gli orari di Milano, 'tacci vostra!). Ingresso 7 dollari e in un attimo mi sembra di essere entrato nella perfetta via di mezzo tra l'arena basement di San Giuliano Milanese e il Ligera... una cosa senza palco (cit.). Ci saranno 15/20 paganti al massimo... e non mi stupisco perché la serata comincia con un noioso set acustico. Ore 21 tocca ai canadesi Bucky Harris: potenti e con dei cori che manco il mio impianto stereo a tutto volume... ma c'è qualcosa nel cantante che non mi convince. I volumi sono devastanti e un ragazzo (credo l'organizzatore della serata) va in giro per la sala a distribute tappi per le orecchie... grazie Bro, ti devo un paio di timpani nuovi! La birra, rigorosamente in lattina, costa 3 dollari e la serata prende una bella piega. C'era in programma una quanta band ma è saltata quindi tocca già alle Mobina Galore. Che dire? I power duo mediamente mi fanno cagare ma loro hanno una cattiveria particolare e reggono alla grande in un contesto come questo. Poco importa se c'è poca gente perché loro suonano come se ci fossero 200 persone a far casino.
Ore 22e30: the show is over and I'm happy as hell... ma non vi preoccupate, vi evito le scontate considerazioni del caso.

venerdì 25 agosto 2017

Menagramo - First Three EPs


I MENAGRAMO sono senza ombra di dubbio uno dei nomi più interessanti usciti nell’ultimo anno. Il Dott. Ing Gran Ladr. pezz di merd, Figlio di Putt, Gran Farabutt Ladr Matricolat Paracul Pvt. SNAFU ci aveva visto lungo e li aveva già intervistati già qualche mese fa io, invece, mi accingo a recensire, in un colpo solo, la discografia completa del prolifico Duo It Yourself brianzolo. Non starò qui ad annoiarvi parlando nel dettaglio di ognuno dei tre EP usciti, vi rimando semplicemente al loro bandcamp dove potete ascoltare e scaricare il tutto gratuitamente. Vi troverete davanti ad una dozzina di pezzi folk suonati con attitudine punk (o viceversa, come preferite voi…) arrangiati ed eseguiti come è scritto nel manuale del perfetto songwriter di campagna. Se non mi credete sulla parola premete play e soprattutto leggete i testi nati dalla penna tagliente dell'erudito Enriquez [i.e. A soundtrack for "Hating myself pt.2", What a great world to live in e Damnatio Memoriae (I! Hate! You! Walt! Freaking! Whitman​!​)]. Aggiungeteci il gusto raffinato nella scelta delle cover (Woody Guthrie e Oppressed…mica male, ottima scelta Walter!) e capirete perché in così poco tempo sono diventati gli eroi della scena country punk, crust pop e reggae D-beat nazionale. 

giovedì 17 agosto 2017

Speed Stroke - Fury

Bagana Records - 2016
Ascoltare un buon disco è sempre un piacere, ma c'è una soddisfazione in più quando supera anche le tue aspettative. Da fan dello sleaze rock ho sempre sofferto del fatto che l'Italia non riesca a sfornare band e album che siano al livello della produzione straniera, in particolare della fertilissima Svezia. Soprattutto perché basta andare a un concerto per rendersi conto che esiste un pubblico appassionato e numericamente rilevante. 

Un primo segnale che le cose possano andare diversamente mi è arrivato qualche anno fa con l'album di debutto dei Seventh Veil, che hanno poi scelto altre strade sonore mantenendo comunque la qualità alta. La conferma definitiva che il nostro paese può giocare ad armi pari coi cugini nordici e americani mi è arrivata invece qualche settimana fa con "Fury", seconda fatica discografica degli Speed Stroke, uscito nel 2016 per la Bagana Records.

Il quintetto di Imola centra in pieno il bersaglio con una fucilata di hard rock rovente, un famelico assalto sonoro che non lascia prigionieri. Il sound guarda con attenzione sia alla lezione del Sunset Strip dei tempi d'oro sia al rinascimento scandinavo, senza per questo mancare di personalità, ed è esaltato da una produzione e una registrazione di alto livello. Le chitarre si dividono tra riff e assoli, mostrando un gusto melodico sorprendentemente maturo, spinte da basso e batteria che danno anche un contributo fondamentale nei momenti più dinamici. La voce, solitamente il tasto dolente tra le band nostrane, supera a pieni voti la prova: potente e intonata, anche sugli acuti, con un timbro non distintivo ma adatto al genere. Non da ultimo, e non da poco, azzecca anche la pronuncia.

Le canzoni girano bene anche dal punto di vista compositivo, si fissano in fretta in testa e si prestano bene a essere canticchiate e ballate, come vuole il genere. Ma si sente anche la cura nei dettagli, con un bridge, un assolo o un break che arrivano spesso al momento giusto a dare quel qualcosa in più.

La band sguazza nell'atmosfera festaiola, come nell'opener e singolo Demon Alcohol o nella scanzonata e irresistibile Bet It All, che non avrebbe sfigurato sull'album dei grandi nomi della stagione losangelina. La furia che dà il titolo si fa sentire anche nei pezzi più arrabbiati, come l'ottimo altro singolo Believe In Me o Lock And Key, dall'atmosfera più contemporanea. C'è spazio anche per qualche  episodio strappalacrime: From Scars To Stars si fa godere, grazie anche al bel lavoro delle chitarre sulle melodie; City Lights, ballad semiacustica, invece è l'unico passo incerto dell'album, per quanto non da scartare.

"Fury" nel complesso è un album solido, ben riuscito e che merita un ascolto da parte di tutti i fan dello sleaze. Gli Speed Stroke sono riusciti a sfornare finalmente un album italiano che può rivaleggiare senza timori con gli epigoni stranieri. E scusate se è poco.

martedì 1 agosto 2017

SNAFU 2.0: LEECHES + DEROZER @ Villa Tittoni

Buone vacanze dalla Caserma con un live report di TOMMY 27 per chiudere in bellezza questa stagione. Buon mare, buona montagna a tutti, noi andiamo in Libia a far casino.


E' da un bel pò che non vado a Villa Tittoni anche se sono anni che i concerti proposti non sono male: trovo il palco spostato ma il resto tutto uguale. La serata promette malissimo, il cielo è pieno di nuvole e carico di lampi, penso che questo abbia scoraggiato molti dall'uscire di casa: in realtà sarà l'unico posto della Brianza dove pioveranno solo poche gocce: che culo!

Arrivo a metà set dei Leeches: solita formazione e solita bella prova dei quattro che giocano pure in casa e che han portato un bel pò di pubblico (che si son spostati in massa direttamente dal punk raduno). Il palco alto non gli rende giustizia, meglio più a contatto del pubblico ma solita ottima prova con chiusura con King Kong, Dead people are dead e no sport. Purtoppo sul finale si beccano una bell'acquata ma vanno avanti imperterriti mentre il pubblico scappa sotto i pochi tendoni a lato palco: lo stand della rock fest di Novedrate ringrazia con un'affluenza inimmaginabile! Bella la scena degli sbirri che si chiudono in macchina...

Smette di piovere e salgono i Derozer con il "solito" Zamu dei Duracell al posto del Mendez, ed è sempre un dispiacere non rivedere quel pazzo ciccione ma tant'è! Li avevo sentiti un paio di mesi fa al Live a Trezzo ma l'impressione è sempre peggiore: poco pubblico (anche per la pioggia che sembra incombere) e pezzi nuovi decisamente pallosi; ci sta invece risentire Bar, 144, Suzy, 2100, Mururoa. Piccolo pogo di giovani a petto nudo ma non scatta il delirio neanche sull'ovvio finale con Alla nostra età e Branca Day. Alla fine suonano un'ora e dieci e sinceramente non me ne accorgo. Imbarazzante Seby con una bandana da gruppo NY Hardcore ma ottimi i continui lanci di lattine di Moretti dal palco (ottimo che ne acchiappo una che ci stava proprio).

Riconosco nel pubblico molte facce di vecchietti segno che volenti o no i Derozer una volta han fatto storia, anni fa...

27tommy