giovedì 25 maggio 2017

Evil Cosby - Ridursi Al Niente


Ridursi al Niente, il nuovo album degli Evil Cosby, è un disco minimale, ma allo stesso tempo sorprendentemente intenso e interessante. Anche la formazione è ridotta all’osso, infatti solo un basso super distorto e la batteria semplice ma precisa fanno da contraltare ai testi scarni e incisivi sbraitati da entrambi i componenti del gruppo. Ascoltandolo vi troverete di fronte a ritmi pesanti e riff heavy intervallati ad improvvise accelerazioni che contribuiscono a spezzare il ritmo e creare un'atmosfera pesante e disagiata, vero e proprio filo conduttore del disco. Se siete fan della musica del demonio, delle produzioni Toxic Basement ed in particolare di Eyehategod, Crowbar e Melvins l’acquisto è consigliato. Contattate la Slaughterhouse Records e procuratevi una delle cassettine colorate prima che siano finite!

https://evilcosby.bandcamp.com/album/ridursi-al-niente

mercoledì 10 maggio 2017

Chris Snelgrove & The Last Mile - The Distance Between

 2017

Chris Snelgrove & The Last Mile (ex-Prevenge) si presentano all'oceanico pubblico punk rock con un full length da 9 pezzi prodotto da una miriade di etichette. The Distance Between propone quel punk rock melodico e un po' depresso che tanto è caro a fan di Loved Ones e Menzingers: in pratica sono la band giusta al momento giusto. Se non siete convinti provate a dare un'ascolto a Boat Drinks o a Get Low. Non ve ne pentirete.
A breve i canadesi saranno in Europa per un paio di settimane di tour, passando anche dalla penisola italiaca. Sotto le date:

25.05.2017 IT / Castiglione delle Stiviere / Arci Dallò
26.05.2017 IT / Milano / Ligera w/McBain, The Enthused, S.U.S.
27.05.2017 IT / Piacenza / Danny Says w/McBain

venerdì 28 aprile 2017

The Manges | The Peawees - Rumble In The Cement Jungle

Striped Records - 2017

Diciamocelo... i Manges hanno visto, detto e fatto di tutto (compreso un disco senza schiacciare il pedalino della distorsione).
Diciamocelo ancora... i Peawees hanno visto, detto e fatto di tutto (compreso diventare un pò Barcellacore per fare un dispetto ad Atom).
Cosa potevano inventarsi di nuovo i 2 pilastri del punkrock italiano dopo quasi 25 anni di onoratissima carriera? Ovviamente uno split 7" per maniaci collezionisti dove si auto-coverizzano 2 pezzi a testa. Forse non l'idea del secolo, ma sicuramente era il tassello mancante per festeggiare al meglio questa storica avventura iniziata nei 90's senza alcun tipo di obiettivo e/o velleità (presumo).
E allora festeggiamo tutti assieme con loro... è cosa buona e giusta.
I Manges partono bene perchè pompano il gain e coverizzano il mio pezzo preferito dei Peawees (secondo solo a qualsiasi pezzo di "Where people smile") per poi chiudere con "Tomorrow I'll Be Done" che non è proprio una canzonetta 1-2-3-4.
I Peawees invece partono da lontano con "In my head" per poi passare alla bomba a mano caldissima "Serenity now!" che non è finita su Halfway to Sanity solo per motivi cronologici.
Insomma la carne al fuoco c'è, il fumo è poco e l'arrosto è buono. Nulla da dire signori a sto giro, mi metto sull'attenti e attendo che mi rimandino in branda a schiaffoni.
Da sottolineare però che in "sottofondo" si sente che i pezzi nascono da songwriting pesantemente differenti. "By my side" non possono che suonarla Hervè e soci, mentre "Serenity now!" - inaspettatamente e nonostante la caldissima voce del ciuffo più sexy d'Italia - ti entra dentro (la canzone, non Hervè purtroppo) solo se suonata dai punkrockers a strisce bianche e nere.
Ma in fondo è giusto così ed è il motivo per cui Manges e Peawees sono unici.... mica lo split fra Volkov e Ratbones che fai fatica a capire chi ha scritto cosa.

Comprare ovviamente al banchetto o su Stripedmusic.com.

mercoledì 26 aprile 2017

The Manges + Vaseliners - Montecio Cool Kids s03e09


DOMENICA 30 APRILE
MONTECIO COOL KIDS s03e09 - The Grand Finale -

Anche questa stagione volge al termine, perciò preparatevi alla festa delle feste!
Al CBGB'S di Montecchio (aka Circolo La Mesa) troverete:

♠ The Manges: maglie a righe e ramonescore. Il quartetto di Las★Pezia non ha bisogno di grandi presentazioni.
Quattro album, una pioggia di 7”, concerti in tutto il mondo con band del calibro di: Screeching Weasel, Lillingtones,Rivardales, Huntingtons, e Queers. Che altro dire?!
Amano Montecchio come noi amiamo loro, e anche quest'anno passano a tirare giù gli intonaci della Mesa. ALL IS WELL!

♠ The Vaseliners: i castellani, padroni di casa, sono cresciuti a “pane e Screeching Weasel”.
Suonano punk rock anni '90 (scuola Lookout Records) e i ritornelli super orecchiabili sono la loro specialità. Il loro album d'esordio “Sorry, we're late” lo potete ascoltare qui: https://thevaseliners.bandcamp.com/

Dj set "DO IT YOURSELF": vuoi sentire un pezzo? Mettilo su, e fa ballare / cantare / pogare tutto il locale!

La copertina dell'evento è stata composta da GabriComics. Lo troverete in zona merch con il suo nuovo fumetto “Teenage Love 'n' Pain” edito da Aletheia editore.

Volete dormire a due passi dal locale e a prezzo irrisorio? SCRIVETECI!

✔ La festa inizia alle ore 21,00
✔ Il concerto inizia alle 21.30
✔ Festa dura fino le 4.00
✔ ENTRATA 7€
✔ Tessera Arci/Uisp 2017 obbligatoria
(se sei senza puoi farla all'entrata)

SPECIAL THANKS TO:
★ Pain t of Mind
★ Mr. acconciatori
★ Blunt Streetwear
★ Lucky Brews - Birra Artigianale Italiana

Media Partner:
♫ The Unknown
♫ Vicenza Underground

martedì 25 aprile 2017

Belvedere e Bob Nanna & Andrew Paley in Italia


Dopo diversi anni di assenza dai palchi nostrani NoReason Booking è lieta di annunciare il ritorno dei Belvedere in Italia. 
A distanza di circa 12 mesi dalla partecipazione all’uscita di “Revenge Of The Fifth”, quinto album in studio della band, la record/booking con base lodigiana è riuscita in un altro importante traguardo; riportando una delle band più influenti della scena skate-punk, melodic hardcore nel Bel paese.
Ad accompagnare la band canadese in questa imperdibile due giorni tra centro e nord Italia, ci saranno i Despite Everything che quest’anno, sempre per NoReason Records, hanno rilasciato “Trails”. Come supporto locale, invece, per la data di all’Artificerie Almagià ci saranno ActionMen e Edward in Venice, mentre per quella all’Honky Tonky di Seregno i LineOut che per l’occasione presenteranno ufficialmente Blast in Turbigo, il loro nuovo album in studio. 
Gli appuntamenti con i Belvedere saranno:
25 Apr - Artificerie Almagià, Ravenna - evento fb 
26 Apr - Honky Tonky, Seregno - evento fb


In concomitanza con i Belvedere inizierà anche il tour di Bob Nanna e Andrew Paley
Saranno in totale cinque le date, ad alto contenuto emozionale, previste in Italia, nonché le uniche all’infuori della Germania nel tour dei due musicisti di Chicago. Bon Nanna, conosciuto particolarmente per essere chitarra e voce di band, tra le altre, come Braid e Hey Mercedes, sarà supportato da Andrew Paley, intento a promuovere “Sirens”, uscito lo scorso novembre per Paper + Plastick e Make My Day Records. 
Di seguito le date italiane: 
25 Apr - Blue Rose Saloon, Milano 
26 Apr - Arci Gob, Viareggio 
27 Apr - Cinema Metropolis, Umbertide 
28 Apr - The Brews, Cesenatico 
29 Apr - Uptown is the new Downtown at the Castle, Genova

martedì 18 aprile 2017

Senzabenza - Pop From Hell

Rocketman Records - 2017

I Senzabenza sono la mia band italiana preferita. Anni luce avanti a chiunque. Da sempre. La mia colonna sonora preferita ai tempi dell'uni....le nottate in piedi a preparare le presentazioni InDesign (mica Power Point) di progetti impossibili giudicati poi da professori discutibili. I miei 20 anni, quando ero io a trascinare Lollo ai concerti....preistoria.
Dopo il loro 7" su OCW ero rimasto alquanto perplesso. Nulla di indimenticabile. Dopotutto sono "vecchi", avranno altri cazzi per la testa... ce li ho io a 30 anni figurati loro. Ci sta. E invece....
....E invece i Senzabenza cagano fuori un disco incredibile, un disco favoloso, un disco strepitoso, un disco Senzabenza 100% che compete a testa alta con qualsiasi altro disco della loro carriera. Citatene uno, uno qualsiasi ed ecco che "Pop from Hell" non ha nulla da invidiare a un cazzo di niente. Un capolavoro interstellare!
Sedici, 16, se-dici, pezzi che filano via lisci con una disarmante freschezza adolescienziale che fa a pugni con le rughe di Nando e Sebi (con sommo rispetto). Ma vaffanculo è un disco fighissimo.
Torno serio, torno cagacazzo... ma nonostante questo il disco rimane fighissimo. Non fermatevi ai primi 2 pezzi, buoni ma "nulla di più", dalla traccia 3 parte la vera goduria...tastierine beat a manettone prese in prestito da "Volume 4", armonie e coretti pop presi in prestito da decenni di carriera, ritornelli impensabili al 99% della popolazione mondiale. Oh figa, i Senzabenza sono tornati alla carica che manco la Brigata Sassari sul Carso!
Scendiamo nei dettagli, copertina top di Manuel Manges + idea di far suonare il basso ad un punkrocker diverso per ogni pezzo. Abbiamo Massi Licis che suona sull'incredibile title-track, Luca dei Lazy Bones che suona sulla già citata traccia 3 "Do you wanna bring me down?" (apoteosi), addirittura uno Speciani che ha l'onore di suonare su uno dei pezzi più fighi assieme a un Imbalzano a cui fanno chiudere il disco con la bonus track (solo per versione CD) "10 day holiday" che è semplicemente un pezzo da brividi.
Ma che cazzo ci leggete a fare ancora? Comprate questo disco al banchetto o sul sito della Rocketman Records.
Lunga vita ai Senzabenza, avete fatto un disco formidabile, grazie!

sabato 15 aprile 2017

Isotopes - 1994 World Series Champions

2017

Siccome qualcuno ci ha gentilmente invitati a recensire questo disco ci siamo presi la briga di ascoltarlo. Non nascondo che l'ho fatto controvoglia ma che poi mi sono ricreduto. 10 tracce in 19 minuti, suonati bene e con delle melodie acchiappose.. direi che è un ottimo equilibrio per un album Ramones-core. Ma poi sti canadesi degli Isotopes, sono proprio così pedissequamente Ramonesiani? In realtà no, mi sembra di sentire un album bello degli Huntington. Se non ci credete provate ad ascoltare Indian Summer - pezzo migliore dell'album a mani basse - e ne riparliamo.
Qual è il problema? Che forse gli Isotopes sono fuori tempo limite per fare album così anni 90. Ce ne frega qualcosa? In realtà no, c'è ancora chi apprezza e a piccole dosi anche io. Questa recensione serve a qualcosa? va beh adesso basta con le domande retoriche... ci sono gli Isotopes in Italia e se non uscite di casa non potete certo incontrare la ragazza dei vostri sogni. Qui le date:

15.04.2017 IT / Montecchi Maggiore / Circolo La Mesa
16.04.2017 IT / Castelfidardo / On Stage
17.04.2017 IT / Imperia / Arci Camalli
18.04.2017 IT / Piacenza / Danny Says
19.04.2107 IT / Milano / Ligera
20.04.2017 IT / Brescia / Red Dog

venerdì 14 aprile 2017

PAT + NANA mini tour



Pat & Nana di nuovo insieme in giro per l'Italia.
Si aggireranno per lo stivale con il magico pandino di Pat, pronti a conquistare lo scettro del folk punk, o anche no.

28.04.17 @ Rock Pub, Lido di Pomposa (FE)
29.04.17 @ Ravenna TBA
30.04.17 @ Castioglione del Lago (PG)


Ma prima di tutto ciò...la nostra Nana sarà in UK a tenere alta la bandiera tricolore.
La troverete il 16 aprile qui -> https://www.facebook.com/events/1824703827817777/ assieme a The Murderburgers, Misgivings e Murderhouse.

giovedì 13 aprile 2017

Riccobellis + Twister - Our Problem Is Not The Fuel, It's All The Rest

Let's Goat Records | One Chord Wonder - 2017

Oggi tocca ai romani Twister e ai bresciani Ringobellis, tanto per citare Atom.
Promossi o bocciati secondo voi? Continuate a leggere....
In questo 7" split non ci sono nè vinti nè vincitori per il semplice fatto che nessuno può sconfiggere i Riccobellis. I fratelli del punkrock più famosi dello stivale si meriterebbero una statua in ogni capoluogo di provincia e soprattutto in ogni casello autostradale se consideriamo i soldi spesi in pedaggi per presenziare a tutti i concerti punk fatti da qui a 10 anni.
Leccata di culo sincera ma necesaria dato che musicalmente parlando i "Ringo" non mi hanno mai entusiasmato tranne qualche raro episodio pesantemente sopra la media. In questo 7" non fiuto cambiamenti e la prima traccia purtroppo conferma la mia impressione. Nulla è mai perduto ed infatti i ragazzi mi sorprendono con una "My Sweetie's On Heroin", pezzo un pò diverso dal solito 1-2-3-4 a testa bassa, bello pop,vagamente "My vagina" style, insomma una ventata d'aria fresca per le orecchie. Con questa bombetta si salvano con onore.
Tocca poi a romani Twister, che su disco fanno cagare e spaccano a tempi alterni, ma live sono la band migliore dello stivale.... se li avete visti vi devono per forza essere venuti in mente i NOFX del 1992/93. Una fucilata in mezzo alla pancia. Secca.
"You're gone, we're gone" è un piccolo antipasto cazzuto per la vera chicca del 7", ovvero una incredibile "Vexing" che puzza di Hymans da far spavento e mi emoziona da testa a piedi. Baciati dal Signore, i ragazzi romani fanno tombola e vincono la sfida musicale del disco... quella attitudinale/emotiva rimane in mano a Simo e Robi per i motivi citati sopra e soprattutto perchè ci tengo alla mia arcata dentale.
Non date i soldi a Speciani, ma hackerate bandcamp e scaricate "Vexing". Il vinile lasciatelo a Franz Barcella.

"...So sloooooooooow, sooooooooooooooooooo sloooooooooooooooooooooooooooooow..."

mercoledì 12 aprile 2017

Massoneria Ramonica - Raining Blood

One Chord Wonder - 2017

La copertina è super figa. Le cose positive finiscono più o meno qui.
Ma la copertina è davvero figa, mi piace un sacco e sembra dire "Hey tu, qui dentro c'è un sacco di musica bellissima. Fidati".
In realtà oltre alla copertina il resto è piuttosto inutile. Sempre che fare qualcosa di utile al giorno d'oggi sia possibile e soprattutto voluto.
Voglio essere sincero...dopo il primo ascolto ho insultato senza freno questo 7" in compagnia di Mitano, Palmi e Max OCW...ovviamente era un 3 contro 1, ma nonostante ciò rimanevo fisso sulle mie idee. Questa storia di voler fare i "mongoli" a tutti i costi mi sta sul cazzo e la trovo inutile...e questo 7" me ne sembrava il manifesto più eclatante.
Al secondo ascolto mi sento meno talebano e non mi vergogno a fare marcia indietro su alcune cose. "Raining Blood" e "Bi-curious" sono 2 canzoncine simpatiche che hanno poco da invidiare ai primi Retarded...ma nel 2017 la prima impressione è (ingiustamente) negativa.
"I hate Riccobellis" potrebbe essere carina se quel velo di onanismo non la distruggesse dalle fondamenta...ma dopotutto il ramonescore è onanismo puro, vero Mazza?
"Poetry" è una probabile citazione dei Photogenics (che a loro volta....). Ne potevamo fare a meno. Sicuramente.
"Teschio" è oscena, non per nulla è stata la prima canzone ascoltata al mio primo ascolto...da qui il giudizio talebano delle prime ore. Anche a posteriori mi vergogno di averla dovuta riascoltare. Ma sono un professionista, non di certo un mongoloide.
Con la cover finale si torna all'onanismo puro, senza tener conto che con gli Havenots avrei dovuto farci un 7" split nel 2008 (nonnismo da caserma mode on) e Lollo disse "che è sta merda di band?". Purtroppo non riesco a non pensarlo sbronzo sul palco che la canta con Atom e farmi 4 risate agrodolci.
Se imparassero a suonare un minimo sindacale e la smettessero di recitare la parte dei coglioni (che non sono) i Massoni sarebbero sicuramente una bella band....ma a 40 anni suonati probabilmente il saper suonare viene ancora visto di cattivo occhio. Sid Vicious docet, purtroppo.